+39 392.70.90.486
Via Margherita 22, 01010 Vejano (VT)
<<< Torna al capitolo di interesse selezionato prima

Araldica*


 

Disciplina che tratta gli stemmi, della loro composizione e degli elementi che li costituiscono. Il termine deriva da araldo cioè da colui che durante i tornei medievali aveva l'incarico di riconoscere i partecipanti alla contesa esaminando le loro armi, di annunciare i loro nomi e di proclamare il vincitore.
L'araldica vera e propria ha origine nel secolo XII, in Terra Santa.

Gli eserciti dei crociati, costituiti da corpi armati di origine e composizione diversa, avevano problemi, soprattutto in battaglia, di raggruppamento e di riconoscimento.
1 vari comandanti iniziarono così a far dipingere sui propri vessilli e sui propri scudi figure e simboli che le truppe sotto il loro comando ripeterono a loro volta sulle vesti e sugli scudi.
Tali insegne furono in seguito considerate come attributi dei capi militari, delle loro famiglie e dei loro feudi, diventando, infine, un modo di indicare i casati più importanti.
Ogni stemma Ë formato da tre parti principali: l'elmo, lo scudo ed il complesso dei vari ornamenti, motti e grida d'arme.
L'elmo, di varia conformazione, sovrasta lo scudo ed è generalmente ornato di cimiero, piume e nastri.
Lo scudo ha varie forme(inglese, sagomato, ovale, tondo ecc.) ed è diviso in moduli. I suoi colori sono quattro (rosso, azzurro, verde e nero) ai quali si aggiungono il bianco ed il giallo per indicare rispettivamente l'argento e l'oro.

Quando nella riproduzione non è possibile utilizzare i colori (es. lapidi) la loro indicazione avviene mediante appositi tratteggi.
 

Le figure dello scudo sono distinte in araldiche (partizioni e pezze onorevoli), naturali (fiori, animali, astri ecc.) e ideali (draghi, chimere, grifi, angeli ecc.). Oltre a queste, importanti sono le raffigurazioni delle croci, dei castelli, delle chiavi ecc.
Tra gli ornamenti: il cercine, gli svolazzi, il manto, i nodi.

 

Le corone appaiono soltanto nel 1400 e assumono forme e fregi diversi da luogo a luogo.

Gli stemmi ecclesiastici sono sormontati dalla tiara, dalla mitra e dal cappello con fiocchi.

*Tratto da " Viaggiando tra Rocche e Castelli d'Italia" edito da Automobile Club d'Italia


 

23/09/2019
Documenti allegati