+39 347.70.90.486
Via Margherita 22, 01010 Vejano (VT)
<<< Torna al capitolo di interesse selezionato prima

I S E R N I A P E R L A M O L I S A N A

ISERNIA



Isernia ,  tra i  monti del Matese, coi suoi 22.000 abitanti e le sue frazioni di : Colle Croce,  la Castagna,  Salietto, Colle Martino, Conocchia, Castelluccio, Castelromano,  è la terza città del Molise.
La chiesa più importante della città di Isernia è la Cattedrale di San Pietro
Isernia Cattedrale
 sorta su un antico tempio pagano italico del III secolo a.C. e di cui è rimasto integro l'intero podio. L'odiena Cattedrale è dovuta ai restauri voluti dal vescovo Gennaro Saladino nella seconda metà del XIX secolo, e si presenta col grande timpano triangolare in travertino, con due coppie di pilastri agli angoli e  quattro alte colonne ioniche sulla fronte. Lo spazio interno  appare suddiviso in tre navate con pilastri decorati da lesene corinzie in marmi policromi.

Nella cappella del Santissimo Sacramento vi è l'antica tavola bizantina denominata "Virgo Lucis"  (la Madonna della Luce) di Marco Basilio risalente al XV secolo. Adiacente alla Cattedrale di Isernia c'è l'Arco di San Pietro che è il campanile della Cattedrale, costruito 1349 collega la chiesa con il palazzo dell'università.
Da  visitare anche:L'Eremo dei santi Cosma e Damiano,
anch'esso costruito su un antico tempio
 pagano. Notizie certe della sua costruzione si hanno a partire dall'anno 1130.
La Chiesa di San Francesco fatta costruire nel 1222 da San Francesco e la Chiesa di Santa Chiara costruita nel 1275.
Il Monastero di Santa Maria delle Monache dell'anno mille, col Museo Nazionale, la  Biblioteca Comunale di Isernia e parte del Museo paleolitico di Isernia.


Altro sito interessante è Il Monumento ai Caduti della prima guerra mondiale, nel Parco della Rimbembranza, opera di  Camillo Centuori, un artigiano scalpellino, che  si fregia  di sei colonne con capitelli corinzi e di  una
zona circolare sulla quale sono scolpiti i nomi dei caduti e dei fiumi teatro degli eventi storici dell'epoca. here.

16/12/2018
Documenti allegati