+39 347.70.90.486
Via Margherita 22, 01010 Vejano (VT)
<<< Torna al capitolo di interesse selezionato prima

Molise Interno

                            Paesi Ricchi Di Storia

Quando si lascia Larino ci si inoltra ancor più nel Molise interno. Il corso del Biferno è oggi percorso dalla strada di fondovalle che suggestivamente scavalca il lago di Guardialfiera e attraversa tutta la regione fino alle piane di Boiano, Isemia, Venafro.

Guardialfiera

http://www.comune.guardialfiera.cb.it/

Sede di antica diocesi, ospitò papa Leone IX in marcia contro i Normanni a Civitate, ove venne battuto e imprigionato (1053). La vecchia cattedrale, ricca di suggestioni architettoniche, ha il privilegio della porta santa, che viene aperta ad ogni giubileo.
Guardialfiera è la patria di Franceso Jovine, lo scrittore che cantò l'epopea contadina nei romanzi "Signora Ava" e "Terre del Sacramento".


Morrone del Sannio

 

si erge su un alto cucuzzolo e fa la vedetta del Molise

Ma l'aspetto predominante del Molise è quello solare e luminoso della stagione delle messi; la malinconia lo avvolge quando è attraversato dai colori dell'autunno.

Oggi il Molise è un po' meno segreto del tempo di Piovene, ma i suoi paesi sono dominati dal silenzio e nelle campagne sono sparse ancora poche querce solitarie, che andrebbero censite e dichiarate beni paesaggistici da preservare con vincoli rigorosi. Il Molise segreto è quello interno.

Da Morrone lo sguardo spazia sull'intero "Contado", dalla valle del Biferno alla valle del Fortore ove si estende il lago di Occhito, a cui fanno corona paesi ricchi di storia plurisecolare: Colletorto, con la maestosa torre fatta costruire dalla regina Giovanna Ia d'Angiò a presidio della Capitanata.

Casacalenda

Qui tenne il campo Quinto Fabio Massimo "il Temporeggiatore", guerreggiando contro Annibale.

Macchia Valfortore

Patria del principe Gaetano Gambacorta, che nel 1701 capeggiò la fallita "Congiura di Macchia" contro il Vicerè spagnolo, descritta con stile sallustiano dalla penna di Giambattista Vico.

Se da Morrone si ritorna nella valle del Biferno, ecco Lupara.

Dal belvedere del santuario lo sguardo scorge paesi aggrappati alla montagna, come
Roccamandolfi, col suo castello diroccato da Federico Il, o adagiati sulle colline, come Molise.

 

01/03/2001
Documenti allegati